Venerdì, 06 Settembre 2013 11:20

Comune PERGINE VALDARNO

Al centro del triangolo geografico formato dalle città di Siena, Arezzo e Firenze il Comune di Pergine Valdarno occupa una parte del sistema collinare che separa la valle dell'Arno da quella della Chiana ed è collegato con l'area senese e chiantigiana tramite il corridoio naturale formato dai bacini idrografici dei torrenti Scerfio e Ambra.


Pergine Valdarno è il primo comune che si incontra percorrendo la strada nazionale, alla sinistra dell'Arno, da Arezzo verso Firenze. E' attraversato dalla linea ferroviaria Firenze-Roma e servito dalla stazione Laterina Scalo, mentre con l'autostrada è raggiungibile dai caselli Valdarno ed Arezzo.


Al centro del triangolo geografico formato dalle città di Siena, Arezzo e Firenze il Comune di Pergine Valdarno occupa una parte del sistema collinare che separa la valle dell'Arno da quella della Chiana ed è collegato con l'area senese e chiantigiana tramite il corridoio naturale formato dai bacini idrografici dei torrenti Scerfio e Ambra.
Il paesaggio - tipico della Toscana interna - si presenta ricoperto da boschi nella parte più elevata delle colline, coltivato a viti e olivi a metà costa e infine arativo nella valle dello Scerfio e nelle terrazze alla destra dell'Arno.
I cenni storici e le unità poderali si collocano in posizione più elevata rispetto al fondo valle, e conservano i tratti degli antichi impianti medievali. Importanti stazioni preistoriche sono state rinvenute nelle terrazze adiacenti i maggiori corsi d'acqua e recenti scoperte archeologiche del periodo etrusco confermano il popolamento in età arcaica.


Tra le testimonianze del periodo romano spicca un bell'esemplare di tabella defixionis (lamina di piombo) rinvenuta in località Bagno che scritta da ambo i lati contiene un'iscrizione votiva rivolta alle divinità delle acque chiamate ACQUAE FERVENTES SIVE NINFAS. Al culto delle acque dovevano aver contribuito il loro ribollire in superficie e i potenti soffioni delle sorgenti cariche di anidride carbonica, che rendevano magico e suggestivo il paesaggio della zona.


Le reti delle Pievi garantì una certa continuità organizzativa alle popolazioni tra il periodo tardo antico e il medioevo, allorchè le invasioni barbariche disegnarono nuovi modelli organizzativi in questa zona che non aveva interrotto, con la fine dell'impero romano, la sua vocazione al transito, trovandosi al centro delle maggiori direttrici viarie verso il nord. Nei primi secoli dopo il Mille le colline si presentano costellate di numerosi castelli, mentre nella valle della Trove sorse la potente Abbazia di Agnano.


Nella seconda metà del secolo XIV tutti i numerosi popoli della zona, compresa Badia Agnano, si sottomisero al dominio della Repubblica Fiorentina che mise fine ai guasti provocati dalle continue contese delle famiglie feudali ghibelline e riorganizzò in "leghe" i popoli. Pergine si trovò a capo della nuova comunità denominata dei "Cinque Comuni Distrettuali della Valdambra" che comprendeva Montozzi, Migliari, San Pancrazio e Badia Agnano.


Alla fine del medioevo, la dipendenza da Firenze, inserì questo territorio in un contesto di orizzonti sociali e culturali senz'altro più ampi, favorendo in particolare gli investimenti della borghesia cittadina, che sviluppò quel sistema fondiario, formato da poderi e case coloniche, che tanto avrebbe caratterizzato la campagna toscana.


Il Comune, formato dall'aggregazione di cinque comunelli, ha conservato un'economia agricola, ma ha sviluppato, accanto all'esperienza industriale relativa allo sfruttamento dell'anidride carbonica, anche un tessuto artigianale che negli ultimi decenni si è orientato soprattutto nel settore orafo.


Oggi il quadro socio-economico sembra aver superato i momenti di crisi causati dall'abbandono delle campagne e dai nuovi modelli economici imposti dall'industrializzazione degli anni sessanta. Il discreto patrimonio ambientale, unito alla riqualificazione dei prodotti dell'agricoltura - in particolare l'olio e il vino - e infine, le numerose iniziative nel settore dell'agriturismo costituiscono buone premesse per lo sviluppo di questa zona.


Francesco Sinatti

Informazioni aggiuntive

Indirizzo: Piazza del Comune
Comune: Pergine Valdarno
Vallata: Valdarno
Telefono: (+39) 0575 896571
Fax: (+39) 0575 896278
Sito Web: http://www.perginevaldarno.net
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Cliccando ACCETTA acconsenti al loro impiego. Per maggiori informazioni leggete la nostra Informativa Cookies e Privacy Policy Informativa Cookies e Privacy Policy