Venerdì, 06 Settembre 2013 11:26

Comune MONTE SAN SAVINO

Monte San Savino, posto sul versante di ponente della Valdichiana ed adagiato su di un monte prospiciente la valle del torrente Esse, è un antichissimo borgo nel cui territorio sono stati rinvenuti molti segni di civiltà etrusca nel corso degli scavi condotti a fine '800. L'antica pieve, inizialmente posta a valle del colle, venne trasferita in cima ad esso sul finire del secolo XII, mentre la storia di Monte San Savino andava progressivamente assestandosi lungo quel cammino che fu comune a molti paesi toscani: per essere stato di fazione guelfa e vicino a Firenze, il Monte subì per volontà del vescovo d'Arezzo, Guido Tarlati, ghibellino, l'abbattimento delle proprie mura nel 1325. Ma già dall'anno 1337 era di nuovo abitato e passò dapprima sotto il dominio di Perugia, poi sotto quello di Siena e quindi (1384) di nuovo sotto quello di Firenze che vi mandò podestà e vicari per l'amministrazione della giustizia.

Il paese conobbe il suo massimo splendore nella seconda metà del '400 e nel '500 quando fiorì in questa Terra la famiglia Ciocchi-Di Monte, originaria di Firenze e illustrata da famosi giureconsulti e prelati come il cardinale Antonio, che fece costruire il bellissimo palazzo oggi sede del comune. Il di lui nipote, Giovanni Maria Di Monte, fu eletto pontefice nel 1550 assumendo il nome di Giulio III: in seguito a questo evento il duca di Toscana Cosimo I de Medici donò Monte San Savino col titolo di contea al fratello del papa, Balduino Di Monte. Solo dopo diverse nuove infeudazioni Monte San Savino tornò sotto il diretto dominio granducale nel 1748. Al plebiscito del 1860, su 1635 elettori savinesi, 1594 si dichiararono a favore dell'annessione della Toscana al Piemonte, mentre al referendum istituzionale del 2 giugno 1946, i voti per la repubblica furono 3231, quelli per la monarchia 1758. Con proprio decreto (22 luglio 1991) il presidente della Repubblica ha concesso a Monte San Savino l'ambito titolo di città.

Fra i personaggi illustri di Monte San Savino si ricordano il celebre scultore ed architetto Andrea Sansovino (1460-1529); Salomone Fiorentino (1743-1815), "il primo ebreo che figuri nella letteratura italiana"; lo scienziato Giuseppe Sanarelli (1864-1940); Giulio Salvadori (1862-1928), poeta e studioso di letteratura, critico e giornalista, educatore e docente universitario presso la Cattolica di Milano. Una comunità ebraica organizzata - con sua sinagoga e cimitero - è stata presente a Monte San Savino dal 1627 sino al 1799 allorché fu allontanata in seguito ai moti del "Viva Maria".

Informazioni aggiuntive

Indirizzo: Corso Sangallo, 38
Comune: Monte San Savino
Vallata: Valdichiana
Telefono: (+39) 0575 81771
Fax: (+39) 0575 843076
Sito Web: http://www.comune.monte-san-savino.ar.it/
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Cliccando ACCETTA acconsenti al loro impiego. Per maggiori informazioni leggete la nostra Informativa Cookies e Privacy Policy Informativa Cookies e Privacy Policy